"Se il mare è azzurro...è anche merito della flotta gialla"

Servizi

Servizi:Formazione e educazione ambientale

LIVORNO
Anche questo anno la Fondazione Lem, in collaborazione con il Comune, ripropone le “Navi di Maggio”, un’iniziativa per le scuole (e aperta a tutta la cittadinanza) organizzata in sinergia con la Capitaneria di Porto di Livorno, con l’ufficio Relazioni esterne dell’Autorità Portuale e con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno. Il progetto consiste in giornate didattico/formative sulla tutela del mare e delle coste, rivolte agli studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Livorno e provincia.
Anche per questa VI edizione delle “Navi di Maggio”, che si svolgerà lunedì 16 e martedì 17 maggio, il momento clou sarà rappresentato dalla visita guidata ad alcune imbarcazioni dotate delle più moderne strumentazioni tecnologiche ed utilizzate per la salvaguardia dell’ambiente marino, appositamente ormeggiate al Molo Elba del Porto Mediceo (lato nord radice e lato sud).
Le imbarcazioni presenti. Ci saranno la “Tito” del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, movimentata dal Consorzio Stabile Castalia – Ditta Neri, che assicura i servizi antinquinamento delle coste e dei mari italiani; la motovedetta ”286” della Capitaneria di Porto di Livorno; la motonave “Poseidon”, battello oceanografico messo a disposizione dall’Arpat; l’imbarcazione “2003” dell’Istituto Nautico Cappellini; l’Eurontos, un’imbarcazione della Labromare impegnata nella tutela dell’ambiente come unità disinquinante; l’unità navale “RAF WFR 09” dei Vigili del Fuoco di Livorno; il “Polito” del Corpo dei Piloti del Porto di Livorno; il catamarano degli Ormeggiatori; l’imbarcazione storica “Gregoretti”.
Alla scoperta del porto. Oltre alla visita guidata delle imbarcazioni (della durata di due ore), per gli studenti è previsto un incontro didattico-formativo nei locali della Fondazione LEM (in piazza del Pamiglione) durante il quale saranno presentati il laboratorio “Alla scoperta dell’ecosistema marino” (curato dall’Area Marina Protetta “Secche della Meloria”) e un laboratorio di biologia della pesca, a cura di Arpat e Cibm, per l’osservazione e la conoscenza delle diverse specie ittiche presenti nei nostri fondali. E’ in programma anche una interessantissima visita al porto a bordo di un pullman messo a disposizione dall’Autorità Portuale di Livorno. Il tour si svolgerà martedì 17 maggio dalle ore 15.30 alle ore 16.30, e interesserà un gruppo di 50 studenti.
L’iniziativa le “Navi di Maggio” prenderà il via lunedì 16 maggio alle ore 8.30 al Molo Elba, con i 150 studenti coinvolti nella prima delle due giornate. Sarà presente l’assessore comunale all’ambiente, Giuseppe Vece, nonché i rappresentanti della Capitaneria di Porto, dell’Ufficio Scolastico Provinciale e degli altri enti e soggetti che hanno collaborato alla realizzazione del progetto. Dato il successo delle precedenti edizioni, quest’anno “Navi di Maggio” viene ripresentato come evento centrale della “Festa dell’Europa” e della “Giornata Europea del Mare, nel programma di attività della Fondazione Lem.
Il progetto con le scuole. Inoltre si inserisce all’interno della IX edizione di “Porto Aperto”, un progetto dell’Autorità Portuale rivolto alle scuole ed alla cittadinanza di apertura e conoscenza del Porto di Livorno. L’evento rientra a pieno titolo anche nel programma della “Primavera della Scienza”, dedicata quest’anno al mondo delle telecomunicazioni, offrendo ai cittadini l’occasione per approfondire il ruolo che le nuove tecnologie svolgono nella nostra quotidianità, anche in settori come quello del monitoraggio e della tutela ambientale. Oltre alla collaborazione di Comune di Livorno, Capitaneria di Porto, Autorità Portuale e Ufficio Scolastico Provinciale, l’iniziativa si avvale di diversi soggetti pubblici e privati: Corpo dei Piloti del Porto di Livorno, Vigili del Fuoco di Livorno, Centro Interuniversitario di Biologia Marina, LAMMA, ARPAT, Area Marina Protetta Secche della Meloria, CNR IBIMET di Firenze e Sassari,

Ormeggiatori e Barcaioli, ditta F.lli Neri, Porto Livorno 2000, Labromare, Geopolaris. Numerose le scuole partecipanti, in particolare l’Istituto Buontalenti Cappellini Orlando, l’Istituto Colombo, le scuole Pazzini e l’Istituto Mattei di Rosignano.